Cos'è Come partecipare Social Radio Palinsesto condiviso Cabina di regia Partner Chi siamo Contatti

L'angolo del campionato - La Juve è scoppiata a Madrid?

Roberto Bertoni, 23/04/2018

Se non è crisi, e noi crediamo che lo sia, poco ci manca. La Juve non sa più vincere, arranca, gioca male e perde, meritatamente, contro un Napoli che non fa nulla di eccezionale ma semplicemente ci crede, ci mette l'anima e, alla fine, all'ultimo assalto, trova il gol della vittoria grazie a Kalidou Koulibaly, difensore senegalese che la va a prendere in cielo e batte di testa un inerme Buffon

E a noi tornano in mente altre due clamorose beffe patite dalla Vecchia Signora: quella del '76 nella fatal Perugia e quella del 2000, ancora in terra umbra, in uno stadio che, nel frattempo, aveva cambiato nome e preso a chiamarsi Curi, proprio come lo sfortunatissimo centrocampista dei grifoni che il 30 ottobre del '77 si accasciò a terra colpito da un infarto (proprio contro la Juventus, guarda tu i segni del destino!) per non rialzarsi più. 

Una Juve brutta e irriconoscibile, letteralmente esplosa dopo Madrid, con la testa vuota e i suoi campioni più rappresentativi in bambola, una difesa che ormai non ce la fa più e il bisogno di un ricambio generazionale che in estate di sicuro arriverà. E nel frattempo? Nel frattempo, bisognerà vedere cosa succederà nelle ultime quattro giornate, ora che la banda di Sarri ha deciso di fare sul serio, portandosi a un solo punto dai campioni d'Italia, e che ha un calendario sulla carta più agevole, non dovendosela vedere contro due compagini in ottima salute come l'Inter, che sabato prossimo ospiterà i bianconeri a San Siro e che ieri pomeriggio ha battuto 2 a 1 il Chievo a Verona, e la Roma, vittoriosa sabato contro la Spal per 3 a 0, la quale ospiterà la Juve all'Olimpico alla penultima giornata. 

Le altre due avversarie della squadra di Allegri saranno il Bologna (0 a 0 ieri contro il Cagliari) e il Verona, che questa sera affronta il Genoa a Marassi e che per l'epoca potrebbe essere già retrocesso. 

Il Napoli, invece, dovrà vedersela domenica prossima contro la Fiorentina, sconfitta ieri dal Sassuolo per 1 a 0, il Torino, sconfitto ieri 2 a 1 dall'Atalanta, in una partita caratterizzata dal ricordo congiunto di Emiliano Mondonico, la Sampdoria, sconfitta ieri per 4 a 0 da una Lazio devastante, e il Crotone, e qui Sarri dovrà stare attento, in quanto i calabresi, all'ultima giornata, potrebbero non essere ancora salvi, dunque scendere in campo col coltello fra i denti. Intanto, ieri hanno inflitto un 2 a 1 in trasferta ad un'Udinese ormai allo sbando totale e risucchiata nella lotta per non retrocedere, al culmine di un filotto di risultati negativi da destare spavento. 

Un applauso, infine, al Benevento, retrocesso ufficialmente in Serie B dopo essersi tolto la soddisfazione di infliggere una sconfitta al Milan (1 a 0, gol di Iemmello) nel tempio di San Siro. Chapeau agli ultimi che hanno onorato, fino in fondo, la propria sfortunata stagione! 

 

Ascolta PODCAST
Scarica l'app gratuita di Radio Jeans

Il palinsesto di Radio Jeans Liguria
07:00
09:00
Colazione in Jeans
pop, hit internazionali
09:00
12:00
Made in Italy
musica italiana d'autore
12:00
14:00
Lunch in Jeans
pop, hit internazionali
14:00
18:00
Il pomeriggio rock di Radio Jeans
programmazione rock
18:00
20:00
Bella raga - L'aperitivo in Jeans
hip hop, reggae
20:00
21:30
Le Venti in Jeans
R&B, soul
21:30
00:00
Stump stump in Jeans
house, tecno, dance
00:00
07:00
Blu notte
blues, jazz, chill out, classica